In primo piano

Quinto appuntamento della XII edizione di Musica e Arte alla Sala Trevisan

Data di pubblicazione: 26 febbraio 2015

La Piccola Opera Charitas di Giulianova organizza per sabato 28 febbraio, alle ore 18.00, il quinto ed ultimo incontro della XII Edizione di Musica e Arte alla Sala Trevisan.

Si esibirà al pianoforte il M° Corrado Di Pietrangelo con musiche di Chopin e Schumann. A lui si alternerà Alessandra Gasparroni con la lettura delle poesie del padre, Luigi Gasparroni.

Cornice dell’evento, caratterizzante tutta la seguitissima XII edizione, la mostra del giovane artista romano, abruzzese di adozione, Simone Giampà.

See also

Corrado Di Pietrangelo, nato a Roma, inizia lo studio del pianoforte a Giulianova con la Professoressa Wanda Di Sabatino Conte. Trasferitosi a Roma, entra nella classe di pianoforte della Professoressa Carla Giudici, nota didatta, al Conservatorio di Musica “S. Cecilia” di Roma, con la quale si diploma con il massimo dei voti, frequentando contemporaneamente le lezioni di musica da camera di Luciano Cerroni. Si è perfezionato prima all’Accademia Musicale “Ottorino Respighi” di Roma sempre con Carla Giudici, ha frequentato poi per un anno l’Ecole Normale de Musique di Parigi sotto la guida di Aquiles Delle Vigne. Svolge attività concertistica sia come solista (con particolare preferenza per Beethoven, Chopin, Schumann, Debussy, Ravel), sia come accompagnatore di cantanti o in concorsi, sia in altre formazioni da camera ( in particolare in duo con vari strumenti e in trio con vari strumenti).

Dal 2008 è accompagnatore al pianoforte nei corsi estivi di Atri di diversi corsi strumentali tenuti da vari docenti di fama: Direzione d’Orchestra (Dominique Rouits), Oboe (Pascal Saumon, Fabien Thouand, Tom Owen), Flauto Traverso (Frederique Saumon, Angelo Persichilli), Violoncello (Ivan Monighetti), Clarinetto (Patrick Messina, Ulf Rodenhauser), Fagotto (Valentino Zucchiatti), Violino (Marco Rogliano), Corno (Luca Benucci). Ha inciso con la soprano Cecilia Valdenassi un cd di musiche tedesche e francesi (Schubert, Schumann, Brahms, Liszt, Massenet, Saint-Saens, Fauré, Widor, Hahn) su testi di Goethe e Hugo. Si è laureato a Teramo in Discipline Musicali sia in Pianoforte sia in Musica da Camera, entrambi con la votazione di 110 e lode; ha inoltre conseguito, sempre a Teramo,il Biennio Formazione Docenti. Ha partecipato a numerose Master Classes, in Italia a Roma, Imola, Ostuni e all’estero a Parigi e Bruxelles, tenute da eminenti pianisti come Marcella Crudeli, Giuseppe Scotese, Sergio Cafaro, Alfredo Speranza, Louiz de Moura Castro, Boris Petruchanskij, Alexander Lonquich, Nelson Delle Vigne, Margarita Hohenrieder, Gunther Ludwig, Carlos Marques, Jeffrey Swann. Ha partecipato a numerosi Concorsi Pianistici Nazionali ed Internazionali, tra i quali Velletri, Sannicandro Garganico, Pescara, Sorrento, Roma, Osimo, risultando sempre ai primi posti. Ha suonato per Radio Tre.

Dal 1993 al 2001 ha insegnato pianoforte e solfeggio alla Scuola di Musica “Luca Marenzio” di Ladispoli (Roma); dal 2001 al 2006 è stato docente di pianoforte, solfeggio, storia della musica e armonia complementare presso la Scuola di Musica Comunale sempre a Ladispoli, dove ha collaborato anche nei laboratori di musica sperimentale nella “Globalità dei linguaggi” rivolti a persone “diversamente abili”. Dal 2007 insegna Pianoforte Principale all’Istituto Musicale Pareggiato “G. Braga” di Teramo, fino al 2012 nei corsi di Vecchio Ordinamente, poi nei corsi Preaccademici. Dal 2009 insegna Pianoforte nelle Scuole Medie ad Indirizzo Musicale, titolare di cattedra ad Ascoli Piceno. Nel corso degli anni ha presentato i propri allievi in vari concorsi pianistici nazionali e internazionali, facendo vincere complessivamente circa 35 primi premi assoluti, 40 primi premi, 110 secondi premi e 90 terzi premi, nonché borse di studio per circa 4000 euro.

Il dottor Luigi Gasparroni, specialista in Clinica Pediatrica, ha prestato servizio presso il Reparto Pediatrico dell’Ospedale Civile di Teramo per 40 anni, dei quali 15 anni come Primario.E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche ed è stato relatore in diversi congressi regionali e nazionali ed anche presidente di commissioni di esami. Ma oltre alla professione medica ha curato la sua passione per la poesia che risale agli anni del liceo.Ha pubblicato 7 raccolte di versi: Ieri ancora estate 1979, Accadrà domani 1989, Oltre questo spazio 1994, Qualcosa che vale 2005, Attese 2007, Poesie HAIKU 2012, Poesie HAIKU 2013, Tempo fuggitivo 2013. Recentemente, a tiratura limitata, ha pubblicato: Voce di luna 2014, Sulle vette del cielo, Stagioni, Nuvole 2015.

E’ socio dell’AMSI (Associazione Medici Scrittori Italiani). Collabora a riviste letterarie con saggi e poesie. Suoi scritti sono stati accolti in diverse antologie poetiche. Ha avuto da numerosi critici giudizi molto favorevoli sulla sua attività poetica come le recensioni presenti su nazariopardini.blogspot.com Si occupa anche di Enigmistica e collabora alla Rivista PENOMBRA dal 1943.

È risultato vincitore nei seguenti premi letterari: Premio Firenze Europa 2005- Finalista Poesia Edita;Premio di Poesia“Mario Gori” 2006- Primo classificato; Premio Medici Umanisti, Pompei 2008 Primo premio Saggistica; Premio di Poesia“Sacra Famiglia” 2009 Medaglia d’oro; Premio di Poesia “Agenda dei poeti” 2009- Medaglia d’oro;Premio di Poesia“Marisa Priori” -2009 – Secondo classificato; Premio Letterario“Il Portone” 2009 –Terzo classificat; Premio di Poesia “Marco Tanzi” 2009 –Secondo Classificato; Premio di Poesia“Mario Gori” 2009 – Primo classificat; Premio Letterario A.M.S.I. 2009 – Secondo classificato; Premio di Poesia“Il Golfo” -2010 – Terzo classificat; Premio di Poesia “Sacra Famiglia”-2010 –Medaglia d’oro;Premio di Poesia “Il Convivio” -.2010 – Secondo classificato; Premio di Poesia“Il Convivio” -2011 –Segnalazione di merito; Premio Internazionale “A.U.P.I”. 2012- Quarto classificato; Premio di Letteratura “Sigillo di Dante” 2014 Premio Speciale della giuria.

Alessandra Gasparroni ha conseguito la laurea in Lettere moderne con indirizzo demo –etno-antropologico ed è studiosa e ricercatrice in queste discipline. Ha collaborato con la cattedra di Sociologia della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Teramo e con la cattedra di Storia delle tradizioni popolari della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “G. D’Annunzio” di Chieti. Ha insegnato Antropologia Interculturale alla Facoltà di Scienze Sociali della stessa Università. Ha collaborato, come consulente esterno, con la Soprintendenza ai Beni Storico Artistici ed Etnoantroplogici d’ Abruzzo, presidio di Teramo. Attualmente collabora alla cattedra di Sacro e identità di genere nella cultura europea nella Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Teramo. Ha svolto indagini in varie regioni italiane, in particolare Abruzzo, Molise e Marche, rivolte alla devozione popolare, ai miti e riti e ai costumi e all’oreficeria tradizionale, allo studio delle abitazioni, all’alimentazione e alle mutazioni culturali.Nel 2002 ha vinto il “Premio Scanno” Sezione Tradizioni popolari, con il libro “Abruzzo. Itinerari nella memoria” e, nel 2011, ottiene il premio “Vernaprile” con il testo “Magie d’Abruzzo. Miti, riti, universi simbolici”. Nel 2013, il suo racconto “Israele” viene premiato in occasione dell’VIII Premio per un racconto breve “Giammario Sgattoni”.

Simone Giampà è nato a Roma nel 1984. Vive e lavora tra Roma e Castellalto. Ha conseguito nel 2008 la laurea in Storia dell’Arte presso l’Università La Sapienza di Roma. Le sue principali esposizioni collettive: 2014,”B come bambini, incontrarti le proposte del Premio Vasto”, Palazzo d’Aragona ,Vasto; 2013, “Credere la luce 3”, Museo d’Arte dello Splendore, Giulianova; 2012, “ Spam1Cartoline d’artista”, Pastificio Cerere, Roma; 2011, “Insieme per Telethon”, Filiale BNL, Nicola Zabaglia a Testaccio, Roma; 2010, “Wi-Fi Art”, Circolo degli Artisti, Roma. Le sue principali esposizioni personali:2014 “La forza della forma nella visione contemporanea di Giampà”, sala espositiva Kairos, Teramo; 2013, “Simone Giampà”, spazio espositivo in via D’Annunzio 71, Teramo; 2012, “Simone Giampà. Umanità ai raggi x”, Agenzia Giovani della Provincia di Teramo.

Quarto appuntamento della XII edizione di Musica e Arte alla Sala Trevisan

Data di pubblicazione: 2 febbraio 2015

Per Sabato 7 febbraio 2015 alle ore 18.00, è previsto il quarto e penultimo e appuntamento della XII edizione di Musica e Arte alla Sala Trevisan, manifestazione sempre di grande successo, organizzata dalla Fondazione Piccola Opera Charitas con la collaborazione imprescindibile della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo.

Si tratta di un appuntamento speciale che si terrà eccezionalmente nella Cappella della Piccola Opera Charitas dove si esibirà all’organo il virtuoso M° Francesco Di Lernia con musiche di Corelli, Kerll, Böhm, Bossi e Mendelssohn.

See also

Francesco Di Lernia ha studiato organo, cembalo e musica d’insieme in Italia e Germania, dove ha vissuto dal 1987 al 1955. Svolge da anni la sua attività nell’ambito dei maggiori festival di tutta Europa, Stati Uniti e Asia tra cui Orgelkunst Vienna, Gallus Hall Lubiana, Sala Glinka S. Pietroburgo, Festival Musica Antica Utrecht, Estate Carinziana, Festival Internazionale di Treviso, L’Europe & L’Orgue Maastricht, Festival St. Bavo Haarlem, Settembre Musica Torino, Mushashino Hall Tokyo, Monteverdi Festival Cremona, Festival Internazionale di Toledo, International Organ Week Granada, Festival Mitte Europa, Organistic International Week Rio de Janeiro, Festival Santander, Lahti Organ Festival, etc.

Ha collaborato, inoltre, con svariati gruppi e orchestre (Wiener Philharmoniker, Orchestra Sinfonica Giovanile Europea, Wiener Akademie, Templum Musicae, etc.). Per Universal ha pubblicato vari volumi, tra cui l’opera completa per tastiera di Johann Kaspar Kerll; inoltre, ha inciso per Tactus, Dynamic, Discantica, Jubal Records Nederlands, Novalis, Carus Verlag, E Lucevan le Stelle, ottenendo riconoscimenti e segnalazioni della stampa specializzata internazionale. Tiene regolarmente conferenze, corsi di interpretazione e seminari presso prestigiose accademie in tutto il mondo. Risultato vincitore del concorso nazionale ad esami del ’94, ha ottenuto la titolarità all’insegnamento di Organo e Composizione Organistica, che tuttora svolge presso il Conservatorio di Musica Umberto Giordano di Foggia dove ricopre anche la carica di direttore. E’ inoltre membro di commissione in concorsi organistici internazionali.


La parola letteraria: sei incontri di lettura.

Data di pubblicazione: 30 gennaio 2015

Presso la Sala Trevisan della Piccola Opera Charitas inizia da martedì 3 febbraio alle ore 15.30, una serie di sei incontri di lettura con cadenza settimanale. Una brevissima introduzione all’opera scelta aprirà l’incontro per poi dare spazio alla parola letteraria.

Le nuove tecnologie che da un lato hanno portato tante cose positive, dall’altro hanno alterato i tempi di attenzione finendo col privarci, in parte, proprio del gusto di ascoltare la parola. Alla ricchezza e alla varietà di linguaggi e di generi della parola letteraria sono dedicati questi momenti con l’auspicio di riscoprire insieme il piacere di leggere.

A scegliere e leggere le opere saranno nell’ordine: Marialuisa De Santis, Franca Meo, Antonella Basile, Paola Palazzi, Cinzia Falini, Donatella Stacchiotti. Per il primo incontro Marialuisa De Santis propone la lettura di una storia breve dell’affascinante scrittore francese Patrick Modiano, premio Nobel, nel 2014, per la letteratura.


Terzo appuntamento della XII edizione di Musica e Arte alla Sala Trevisan

Data di pubblicazione: 12 gennaio 2015

Sabato 17 gennaio 2015, alle ore 18.00, terzo appuntamento della XII edizione di Musica e Arte alla Sala Trevisan, manifestazione organizzata dalla Piccola Opera Charitas di Giulianova con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo.

Ad esibirsi il duo composto da Cesare Di Cesare e Stefano Tempera che eseguiranno alla chitarra musiche di Castelnuovo Tedesco, Piazzolla, Gangi e Pernambuco.

A fare da cornice al concerto, l’esposizione Frammenti di Universo del giovane artista romano Simone Giampà, da alcuni anni trasferitosi nella nostra regione. La pittura dell’artista utilizzando evidenti stilemi della pop art riporta l’attenzione sulla figura umana, legandola fortemente ai valori della nostra tradizione culturale e a quelli propri di un nuovo umanesimo.

Ed è ispirandosi a quest’ultimo, che Valerio Iustini, studioso di antropologia economica, aprirà la serata con una breve ma intensa riflessione dal titolo Costruire il futuro: un’economia solidale per un nuovo Umanesimo.


Seminario sull’arte sacra

Data di pubblicazione: 9 gennaio 2015

_images/crederelaluce1_tb.jpg

A Giulianova, si è tenuto sabato 2 e domenica 3 gennaio, per il quinto anno consecutivo, un seminario si studi dedicato all’arte sacra diretto ad artisti provenienti da diverse regioni italiane e organizzato dalla Fondazione Piccola Opera Charitas assieme alla Diocesi di Teramo-Atri con la collaborazione del Museo d’Arte dello Splendore. Il seminario fa parte di un più ampio progetto, CREDERE LA LUCE, a sua volta compreso nel Progetto Culturale della C.E.I. CREDERE LA LUCE si concluderà, come consuetudine, con l’esposizione delle opere realizzate dagli artisti partecipanti al seminario presso il Museo d’Arte dello Splendore; novità è invece l’aver pensato il seminario di studi come aiuto affinché gli artisti possano realizzare con più consapevolezza, non un’opera d’arte genericamente sacra, ma un’opera liturgica, di culto, da collocare cioè in una Chiesa.

_images/crederelaluce2_tb.jpg

Si è scelto di legare fortemente l’edizione 2015 al territorio giuliese e concentrare il seminario sulla figura di Sant’Anna. Dopo la mostra, l’opera, che da una apposita commissione presieduta da S.E. Mons. Michele Seccia, verrà ritenuta la più idonea, troverà la collocazione nella piccola e antica Chiesa di Sant’Anna. Questo il calendario dei lavori seguito dagli artisti:

  • Marialuisa De Santis, L’arte per il culto secondo gli insegnamenti del Concilio Vaticano II
  • Alessandro Beltrami, Esempi di arte liturgica contemporanea
  • Don Filippo Lanci, Sant’Anna, aspetto storico, religioso e letterario
  • Alessandra Gasparroni, Sant’Anna:culto e patronati
  • Mariano Apa, Sant’Anna e i patronati
  • Josè Maiorani, Il restauro della Chiesa di Sant’Anna.
  • Federica De Lucia, Il divino e il simbolo nell’iconografia di Sant’Anna.

Tutti gli interventi saranno pubblicati nel catalogo che accompagnerà l’esposizione. Dei dodici artisti invitati e scelti in base alle loro abilità tecniche e specifiche sensibilità, gli undici che hanno aderito sono: Daniela Alfarano (Modena), Francesca Casolani (Nereto), Sara Chiaranzelli (L’Aquila), Massimiliano Donatiello (Teramo), Luca Farina ( Campli) Giulia Huober (Firenze), Marino Melarangelo (Teramo), Emilia Petri ( Bologna ), Andrea Saltini (Modena), Luisa Valenzano ( Bari), Elisa Zadi (Firenze).